ISCRIZIONI in sede (P.zza Vittorio 13 - TO: lun - ven ore 8 - 17). Tesseramento: € 10. Quota associativa annuale: € 5

APPUNTAMENTI / INFO

ARCHIVIO del sito

La mia foto
SEDE CENTRALE: piazza Vittorio Veneto 13, 10124 Torino; SEDE 2 c/o 'Blue Train' Via A. Bonafous 6 - Torino, Italy
Consiglio Direttivo: Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario: Jacopo Villani. Per l'iscrizione all'Associazione si può richiedere il modulo in sede o a un membro del Consiglio Direttivo. Fax: 011885507 Mail: acquintiliano@hotmail.it
L' ASSOCIAZIONE QUINTILIANO è stata ideata da Dario Coppola nel 2000

ed è stata fondata nel 2010 con Emanuele Amo, Davide Biagioni, Federico Garino, Irene Fusi, Alberto Saluzzo, Jacopo Villani, Alberto Zanello. A questi soci fondatori sono stati aggiunti, con nomina del presidente, Antonino D'Ambra e Daniele Grillo.

Loading...

collegamento con Q TV

Translate

25.11.11

MONDIALISMO: FENOMENO STORICO-CULTURALE O DISEGNO POLITICO?

Ario Corapi recensisce il libro di Carlo Terracciano
RIVOLTA CONTRO IL MONDIALISMO MODERNO

Il testo di Carlo Terracciano può innanzitutto essere definito come un testo "non allineato" con le correnti ideologiche odierne che analizzano la società e il corso della storia; l'autore del testo già nei primi capitoli fa una distinzione chiara e precisa tra Globalizzazione e Mondialismo stabilendo quale tra le due viene prima e che rapporto c'è tra queste. Terracciano afferma che la globalizzazione è una conseguenza del mondialismo, ossia, un fenomeno di tipo sociale e culturale dove l'umanità è giunta per mano di un preciso disegno politico secolare, il Mondialismo appunto, stabilito da una ristretta cerchia di elìtes e tramite le istituzioni mondiali odierne; in questo modo l'autore confuta la concezione lineare classica della storia secondo la quale il corso della storia umana procede in maniera lienare e deterministica verso un'unica destinazion comune, cioè la Globalizzazione, che tende ad essere vista come una "nuova fase di perfezione umana" raggiunta dopo una "catarsi purificatrice" e dopo tante "cadute" avvenute nel corso dei secoli.
Terracciano evidenzia in maniera implicita i nomi delle persone e delle istituzioni che hanno contribuito a far approdare l'Umanità nell'attuale sistema mondialista, egli li definisce come la "razza padrona mondialista" ma senza fare il minimo accenno alle più svariate ipotesi sostenute dalle teorie complottiste delle quali spesso ci si avvale quando si affronta tale argomento; secondo Terracciano dietro al disegno mondialista vi sono delle identità chiare con lo stesso fine comune, vale a dire, la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale. La razza padrona mondialista risponde ai nomi delle seguenti "famiglie" : gli Astor, i Kennedy, i Li, gli Onassis, i Rockfeller, i Rothschild, i Russel e i Windsor. Mentre invece nel gruppo delle sedi e delle istituzioni responsabili del fenomeno mondialista l'autore cita: il Gruppo Bilderberg, la Trilateral, il CFR, l'ONU, la NATO, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, la Massoneria e perfino istituzioni religiose come l'Opus Dei, il Consiglio Internazionale Ebraico e le varie sette protestanti.
Prima di individuare le strade necessarie da percorrere per portare l'Umanità al di fuori da questo schema perverso, l'autore cita anche gli strumenti utilizzati da queste elìtes per guidare le sorti del mondo verso il Nuovo Ordine Mondiale, ossia, l'Alta Finanza Mondiale (non è un caso che fra le sedi del fenomeno mondialista vi siano molte banche) e i MassMedia (agenzie di informazione e industrie cinematografiche); l'autore afferma in sintesi : "L'obbiettivo del mondialismo è la creazione di un unico governo mondiale (il Nuovo Ordine Mondiale), di un unico assetto politico,istituzionale e sociale (il liberalismo), di un unico stile di vita (il consumismo) estesi a tutta la Terra e funzionali al dominio assoluto da parte delle forze politiche,economiche e culturali che lo incarnano: le èlites della finanza mondiale."
Nella seconda parte del suo libro l'autore comincia ad individuare i punti salienti per indicare le forme concrete di opposizione all'attuale sistema, innanzitutto si scaglia apertamente contro tutti i nostalgismi di tipo politico (di destra e di sinistra) precisando che quanto inutile sia riproporre politicamente il Fascismo (perchè storicamente defunto nel 1945) da un parte e il Comunismo (perchè ritenuto storicamente complice del sistema odierno) dall'altra, Terracciano muove anche una forte critica contro i movimenti no-global odierni accusandoli di essere solamente "l'altra faccia del sistema attuale"  in quanto questi si limitano solamente a proporre una semplice riforma interna al sistema globale.
L'autore afferma che l'unica via di uscita da questo scenario è quella di comprendere il fenomeno del mondialismo come un fenomeno non solo di tipo economico,ma anche di tipo sociale e culturale, per questo nel suo libro Terracciano accenna alla cosiddetta "Dottrina delle Tre Liberazioni" (Liberazione Nazionale,Liberazione Sociale e Liberazione Culturale) indispensabile per gettare le basi ed intraprendere una "grande rivoluzione spirituale", rivoluzione intesa come nel pensiero di Julius Evola (1898 - 1974) che, traendo a sua volta spunto dal pensiero di Friedrich Nietzsche, nel corso del XX° Secolo ha gettato le basi filosofiche per una "rivoluzione spirituale contro il mondo moderno" e che si può percepire da alcune delle citazioni dell'autore ("La mia Patria è laddove si combatte per la mia Idea" - "Non esistono destra o sinistra, esiste un sistema ed esistono gli uomini disposti a combatterlo" - "Data una società ed una civiltà come l'attuale (…), nel ribelle, in colui che non s'adatta, nell'asociale è in via di principio da vedervi l'uomo sano").
La cosiddetta Rivoluzione Spirituale - anticipata da Nietzsche,teorizzata da Evola e ripresa da Terracciano - deve avere come fine il ritorno alla Tradizione (intesa come tradizione spirituale degli uomini) che, puntualizza l'autore, non è affatto da intendersi come come Conservazione in quanto "nel mondo attuale non vi è nulla da conservare, ma tutto da distruggere".
Questa "Rivoluzione spirituale per il ritorno alla Tradizione e alla Liberazione" deve essere combattuta dagli uomini di tutto il pianeta che sentono la necessità di ribellarsi all'attuale sistema, bisogna porre questa rivoluzione nell'ottica di "due fronti (Mondialismo e Antimondialismo) in molte trincee (tutti i continenti del pianeta)"; solo una volta intrapresa questa battaglia ci potrà essere la concreta possibilità di rivedere il continente europeo impegnato in prima linea con un ruolo di guida in questa rivoluzione, in modo tale che proprio il Vecchio Continente possa riscoprire la propria forza interiore, il proprio splendore storico millenario e la propria indipendenza geopolitica.
Da precisare, infine, che quando Terracciano parla di Europa non intende un'Europa come quella attuale dei giorni nostri ma neanche un'Europa fatta di Nazioni, bensì un'Europa Nazione Unica senza distinzioni nazionali geografiche in cui i popoli europei (francesi,tedeschi,spagnoli,italiani,greci,ecc.) sono uniti dalla stessa scala di valori e dalla stessa Idea che li possa portare a combattera la stessa battaglia contro lo stesso nemico comune, il Mondialismo.

Cenni biografici sull'autore
Carlo Terracciano è stato per anni tra i fondatori e i maggiori esponenti di Eurasia (rivista trimestrale di Studi Geopolitici fondata nel 2004 a Parma), di fede musulmana, si è dedicato per anni - fino alla sua morte nel 2005 - agli studi di geopolitica e geoeconomia ed è tuttora stimato tra i più grandi intellettuali ed ideologi della destra radicale italiana.


Ario Corapi
Segretario Organizzativo dell'Associazione Quintiliano
Studente di Scienze Politiche presso l'Università di Torino

Nessun commento:

Post più popolari

Quintiliano è su FACEBOOK

Quintiliano è su FACEBOOK
cliccare sul logo per raggiungere il gruppo

Quintiliano è su YOUTUBE


cliccare sui loghi per raggiungere i nostri canali

ALTRI LABORATORI (IN STAND BY)

Archivi Q Territoriali

BREVE STORIA dell'Associazione



ASSOCIAZIONE CULTURALE QUINTILIANO - Il 24 settembre 2010 viene costituita a Torino l'Associazione Quintiliano, che opera in città con i suoi comitati territoriali e laboratori scolastici. La fondazione deriva dall'esperienza laboratoriale iniziata nel 2001.
Nel 2001, a Torino, è partito il progetto del primo Laboratorio Culturale che, con le sue attività didattiche, ha contribuito e contribuisce alla costruzione della personalità degli studenti che ancora lo frequentano, aprendo loro gli orizzonti del sapere. Dopo una prima fase sperimentale, il laboratorio è stato ideato, dal prof. Dario Coppola, e ha così preso corpo nel 2004 con l'acronimo LDG, cioè Laboratorio Didattico del Giusti, il liceo torinese nel quale l'attività ha visto i suoi esordi raccogliendo l'eredità di un grande docente di quel liceo, alla cui memoria il laboratorio è perciò stato dedicato: si tratta del prof. Giorgio Balmas.
Dal 2007 il progetto ha allargato il suo raggio d'azione ed è diventato un laboratorio interscolastico al quale, nella IIIB (2008-09) del Liceo Alfieri, è stato attribuito dal fondatore il nome LC QUINTILIANO. Da allora, il laboratorio ha raggiunto con le sue proposte anche gli studenti e i docenti di altre prestigiose scuole torinesi, e della provincia, come il Copernico, il D'Azeglio, il Majorana di Moncalieri e di Torino, il Gioberti, il Cattaneo, il Ferraris, il Cottini, lo Spinelli, lo Steiner, il Gobetti, il Regina Margherita, il Grassi, il Conservatorio Verdi e - anche - l'Università degli Studi e il Politecnico di Torino.
Nel 2009 sono stati attivati nove laboratori paralleli del Quintiliano corrispondenti alle redazioni scolastiche attive nei settori dell'istruzione secondaria (scuole superiori) e degli atenei torinesi.
Nel 2010 viene stilato il progetto della costituzione di un'Associazione Culturale che comprenda i laboratori già attivi e quelli da attivare.

Le proposte culturali dei laboratori sono di vario tipo:

THEATRUM: visione di spettacoli, a teatro;

AUDITORIUM: ascolto di concerti;

CINEFORUM: visione critica di film al cinema; partecipazione a rassegne cinematografiche;

SYMPOSIUM: incontro, con cena, per socializzare e riflettere informalmente, a caldo, sullo spettacolo cui si è assistito, anche con l'ausilio di schede didattiche;

CIVES: approfondimenti su legalità, educazione alla cittadinanza, Costituzione Italiana;

LUDUS: appuntamenti etico-sportivi;

ETHNE: partecipazione alle iniziative multietniche del territorio;

PACHA MAMA: iniziative ambientali ed ecologiche;

GANDHI: iniziative non-violente contro ogni tipo di discriminazione;

AGORÁ: dibattiti su temi d'attualità per la formazione delle opinioni;

BIBLOS: presentazione di libri;
ARTIFICIUM: promozione dei talenti artistici dei nostri allievi ed ex-allievi e progettazione delle visite alle mostre d'arte;
MNEMOSYNE: recupero delle nostre origini culturali nella storia (viaggio nella memoria, rievocazioni, visite a mostre, spettacoli, conferenze, lezioni introduttive alla storia del teatro, del cinema, della televisione e della radio);
MONOGRAPHIA: presentazioni monografiche interdisciplinari di autori attraverso significative opere che hanno arricchito il nostro patrimonio culturale;
EXPERT: trattazione di tematiche, da parte di esperti, per conoscere meglio le dinamiche dei fenomeni che ci presentano l'attualità e la storia;
DOSSIER: approfondimenti, documentazioni, testimonianze, recensioni, raccolte, relazioni, ricerche e tesine;
IN ITINERE: viaggi di istruzione brevi fuori urbe;
CAUPONA: incontri per accrescere e raffinare la cultura enogastronomica;
AUGUSTA TAURINORUM: lezioni itineranti nei luoghi storici della nostra città, che hanno visto transitare i maestri del sapere, e che ancora ne conservano l'eco;

DHARMA: appuntamenti con la filosofia e la spiritualità;
BERUF: informazione e formazione economica;
REPORTER: la realtà fotografata ad arte (mostre fotografiche);
IN CONCERT: reading, tendenze musicali, concerti;
CINEFERIAE: visione critica di film su richiesta degli studenti durante le vacanze.

Inoltre, il settore Informazione dei Laboratori comprende:


MONITOR: avvisi e segnalazioni;
VADEMECUM: segnalazioni di eventi culturali nel territorio urbano;
IN AETHERE: la cultura in tv o via radio;
NEWS: notizie dalle scuole collegate col nostro laboratorio;
WEB: notizie dalla rete.

Nel 2009 sono stati aperti anche:
1) un gruppo ufficiale su Facebook;
2) un canale video "LC QuintilianoTV" su YouTube, che consente un'espressione ulteriore della creatività comune di chi continua a costruire i nostri laboratori.
Gli studenti "storici" che, negli anni passati, hanno contribuito, insieme a decine di altri, con il coordinatore a condurre QUINTILIANO sono stati:

GUGLIELMO SANDRI GIACHINO (2005-06)
NICOLO' STROCCO (2006-07)
FLAVIO MERGOTTI (2007-08)
FEDERICO GARINO (2008-09)
ALBERTO ZANELLO (2008-09)
DAVIDE BIAGIONI (2008-09)
FEDERICO SILVESTRI (2008-09)
JACOPO VILLANI (2009-10)
ALBERTO SALUZZO coordinatore della costituenda Associazione Culturale (2009-10)


dal 24 settembre 2010:

data della costituzione dell'Associazione Quintiliano
Elezione del primo
Consiglio Direttivo (2010 - 11)
Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Davide Biagioni (da settembre a dicembre 2010); Emanuele Amo (da gennaio 2011); Tesoriere: Federico Garino; Segretario: Alberto Saluzzo (da settembre 2010 a gennaio 2011); Davide Biagioni (da febbraio 2011); Altri Consiglieri: Alberto Zanello, Jacopo Villani, Antonino D'Ambra, Irene Fusi, Daniele Grillo.


dal 24 settembre 2011:
secondo Consiglio Direttivo (2011-12)

Presidente: Dario Coppola; Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario organizzativo: Ario Corapi (da settembre 2011 a marzo 2012); Jacopo Villani (da marzo 2012). Comitato esecutivo: ai consiglieri sopra citati si aggiungono i sottotesorieri Alessandro Minetti, Jacopo Villani (fino a marzo 2012), Ario Corapi (da marzo 2012) e i sottosegretari Bernardo Basilici Menini, Marcello Fadda.






Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini, i video e gli audio sono tratti dal web, valutati quindi di pubblico dominio.