ISCRIZIONI in sede (P.zza Vittorio 13 - TO: lun - ven ore 8 - 17). Tesseramento: € 10. Quota associativa annuale: € 5

APPUNTAMENTI / INFO

ARCHIVIO del sito

La mia foto
SEDE CENTRALE: piazza Vittorio Veneto 13, 10124 Torino; SEDE 2 c/o 'Blue Train' Via A. Bonafous 6 - Torino, Italy
Consiglio Direttivo: Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario: Jacopo Villani. Per l'iscrizione all'Associazione si può richiedere il modulo in sede o a un membro del Consiglio Direttivo. Fax: 011885507 Mail: acquintiliano@hotmail.it
L' ASSOCIAZIONE QUINTILIANO è stata ideata da Dario Coppola nel 2000

ed è stata fondata nel 2010 con Emanuele Amo, Davide Biagioni, Federico Garino, Irene Fusi, Alberto Saluzzo, Jacopo Villani, Alberto Zanello. A questi soci fondatori sono stati aggiunti, con nomina del presidente, Antonino D'Ambra e Daniele Grillo.

Loading...

collegamento con Q TV

Translate

26.1.09

Giovedì 29 gennaio 2009 c/o Cinema Nazionale h 19.55

Il giardino di limoni
Il conflitto tra Israele e Palestina visto con gli occhi di una donna coraggiosa che non rinuncia alla sua terra
Consigliato: Sì*media giudizi di pubblico, critica e dizionari.
Regia di Eran Riklis con Hiam Abbass, Doron Tavory, Ali Suliman, Tarik Kopty, Amos Lavi. Genere Drammatico produzione Israele, Germania, Francia, 2008. Durata 106 minuti circa.





Salma, una vedova palestinese che vive in un villaggio della Cisgiordania, scopre che il suo nuovo vicino di casa è il Ministro della Difesa israeliano. Quando, per ragioni di sicurezza, le viene intimato di abbattere quel giardino di limoni che rappresenta il suo unico sostentamento e le sue stesse radici, la donna non si dà per vinta e porta la causa in tribunale. L’amicizia inaspettata della moglie del ministro, mossa dalla solidarietà femminile, e l’amore del suo giovane avvocato riescono a sostenerla in una sfida che a tutti sembra impossibile. Una storia emozionante sul coraggio di una donna in lotta per la libertà e un appassionato messaggio di speranza.




segue il

Martedì 27 gennaio 2009 ore 20 c/o Auditorium G. Agnelli (solo 4 posti gratuiti per i più meritevoli membri del nostro laboratorio!!)











Daniel Barenboim, pianoforte


Elena Bashkirova, pianoforte



eseguono



Mozart

5 variazioni su un Andante per pianoforte a quattro mani K 501



















Schönberg
3 Klavierstücke op. 11

















Schönberg

5 Stücke op. 16

(trascrizione per due pianoforti di Anton Webern)



















Mozart Fantasia in do minore K 475


Mozart Sonata in do minore K 457




segue il

19.1.09

Venerdì 23 gennaio 2009 Concerto c/o Auditorium RAI Toscanini

John Axelrod direttore









Sabine Meyer clarinetto









Johann Sebastian Bach – Anton Webern











Fuga (Ricercata) a 6 voci







Aaron Copland








Concerto per clarinetto e orchestra

Wolfgang Amadeus Mozart













Concerto in la minore KV 622 per clarinetto e orchestra
Leonard Bernstein
Suite sinfonica da On the Waterfrontmusiche dal film Fronte del porto

Giovedì 22 gennaio 2009 c/o Cinema Reposi h 20.05

Il bambino con il pigiama a righe

L’epoca nera del nazionalsocialismo rivista attraverso la psicologia di un’amicizia infantile

Regia di Mark Herman con Asa Butterfield, Zac Mattoon O'Brien, Domonkos Németh, Henry Kingsmill, Vera Farmiga. Genere Drammatico produzione USA, 2008. Durata 93 minuti circa. Da venerdì 19 dicembre 2008 al cinema, in programmazione in 86 sale cinematografiche italiane. Bruno è un tranquillo ragazzo di otto anni figlio di un ufficiale nazista, la cui promozione porta la famiglia a trasferirsi dalla loro comoda casa di Berlino in un’area desolata in cui questo ragazzino solitario non trova nulla da fare e nessuno con cui giocare. Decisamente annoiato e spinto dalla curiosità, Bruno ignora le continue indicazioni della madre, che gli proibisce di esplorare il giardino posteriore e si dirige verso la ‘fattoria’ che ha visto nelle vicinanze. Lì, incontra Shmuel, un ragazzo della sua età che vive un’esistenza parallela e differente dall’altra parte del filo spinato. L’incontro di Bruno col ragazzo dal pigiama a strisce lo porta dall’innocenza a una consapevolezza maggiore del mondo degli adulti che li circonda, mentre gli incontri con Shmuel si trasformano in un’amicizia dalle conseguenze terribili.



Segue il

18.1.09

Giovedì 22 gennaio 2009: Quintiliano - Expert e Collettivo Studentesco Liceo Alfieri presentano: L'Iraq dal punto di vista di Younis Tawfik

Il nostro laboratorio
in collaborazione col Collettivo studentesco del Liceo Alfieri di Torino
ha organizzato un'assemblea
nel quadro degli incontri delle
GIORNATE DELLO STUDENTE 2009
offerto a tutto il ginnasio-liceo che avverrà
alle ore 11 di
giovedì 22 gennaio 2009
nell'aula magna-auditorium
l'ospite è
Younis Tawfik
direttore del Centro italo-arabo Dar al Hikma
che ci parlerà del suo
Iraq

14.1.09

Giovedì 15 gennaio 2009 ore 20 c/o Cinema Greenwich Village

Un esattore delle tasse compie uno straordinario cammino di redenzione che cambierà per sempre la vita di sette sconosciuti.
Sette anime

Regia di Gabriele Muccino con Will Smith, Woody Harrelson, Rosario Dawson, Barry Pepper, Michael Ealy. Genere Drammatico produzione USA, 2008. Durata 125 minuti circa. Da venerdì 9 gennaio al cinema e in programmazione in 464 sale cinematografiche italiane. Un uomo divorato da un segreto sul suo passato cerca di redimersi cambiando drasticamente le vite di sette estranei. Una volta che il suo piano è partito, nulla può modificarlo. O almeno è quello che pensa lui, perché Ben Thomas non si aspetta certo di innamorarsi di una dei sette estranei. In quel momento, sarà lei a cambiare lui. Un mistero avvincente e una sorprendente storia d’amore, Sette anime pone delle domande provocatorie sulla vita e la morte, il rimpianto e il perdono, gli estranei e l’amicizia, l’amore e la redenzione ed esplora i legami che collegano i destini umani in maniera sorprendente.
(da mymovies)

Dopo il film

12.1.09

Dossier Quintiliano su: Fabrizio De André

Nell'occasione del decennale della morte di Fabrizio De André, volentieri pubblichiamo - su richiesta - queste due suggestive riflessioni e testimonianze di un nostro studente, Jacopo Villani, e di suo padre, Sig. Maurizio Villani, che ringraziamo per la collaborazione e per l'idea.
(l'immagine è tratta da http://www.quattrostracci.net/)
Avevo poco più di undici anni, fui accompagnato dal mio fratello maggiore verso quella che sarebbe stata la mia prima giornata da scout.
In quegli anni nella mia borgata non esisteva un riparto di lupetti, più adatto alla mia età, per questo fui accolto come una mascotte fra capi riparto e scouts molto più grandi di me.
Di quel pomeriggio non ricordo quasi nulla. Non ricordo i dettagli, i volti, i nomi, le persone, le cose.
Ricordo solo che in un certo preciso momento qualcuno prese una chitarra e cominciò a suonare, e che tutti gli altri cominciarono a cantare.

Le parole che riuscii a capire dicevano :

Era partito per fare la guerra
Per dare il suo aiuto alla sua terra
Gli avevano dato le mostrine e le stelle
E il consiglio di vendere cara la pelle

Fu per me l’inizio di una grande passione e di una grande ricerca.
La passione per la poesia e la musica di Fabrizio De André.
La ricerca dei suoi temi, e contemporaneamente di me stesso.

Molto di quello che sono stato, di ciò che sono e (spero) sarò è nato in quel lontano pomeriggio.
Molte delle cose che vedo e che sento dipendono da quella ricerca, da quella passione, dalle parole di Fabrizio.
Rifiuto la guerra, ho dichiarato la mia obiezione di coscienza molti anni fa.
Rifiuto il conformismo, non sono schierato, non ho paura di pensare in maniera differente.
Non giudico quasi mai, soprattutto non giudico quando non conosco i fatti. Quasi mai, appunto.
Simpatizzo per gli ultimi : gli indiani, gli emarginati, i sardi, gli albanesi, gli zingari più o meno felici, i diseredati, gli homeless, i migranti.
Sono per il mantenimento delle identità culturali dei popoli, contro le semplificazioni e le omologazioni.
Penso che Gesù di Nazareth sia stato un grande rivoluzionario.
Non ho certezze, ma un sacco di dubbi su tutto e su tutti.

Quando Fabrizio è morto ho pianto, almeno quanto piansi tre mesi prima, quando morì mio padre.
Quel giorno ho avuto la sensazione che fosse scomparso il mio secondo padre, senza provare il timore che il mio vero papà potesse, in questo modo, offendersi : li ho pensati in un luogo lontano, che non riuscivo e non riesco ancora a definire.

Da lì ancora oggi immagino che continuino a guidarmi.


Maurizio Villani


Un'immagine nei ricordi della mia infanzia : mentre La canzone di Marinella mi culla dolcemente vedo gli occhi di mio padre accendersi di amore.
Da quella visione stupenda (che rimpiango tuttora) potevo rendermi conto dell'importanza che ha avuto Fabrizio De André nella vita di mio padre.
Posso dire che fu proprio mio padre a farmi scoprire Fabrizio.
A volte imbracciava la chitarra, e se le note non suonavano bene non importava, perchè la musica era così profonda che niente mi avrebbe distolto da quello spettacolo.
Mio padre non fu l'unico a tramandarmi questo piacere. All'età di dodici anni cominciai, grazie al mio professore di musica, a cogliere il vero significato di queste canzoni e se solo potessi ancora ricontattarlo vorrei ringraziarlo profondamente.
Le sue canzoni hanno moltissime interpretazioni che spesso io stesso ho sentito mie : questo è l'effetto che ha De Andrè sulla gente, riesce a fare emergere emozioni che normalmente
non escono da sole e sopratutto riesce ad informare la gente, perchè i suoi testi erano un enorme contenitore di storia, politica, religione, poesia, letteratura e cinema.
E' noto che Fabrizio amava essere contro, un vero bastian contrario, lo capiamo anche dal titolo di una sua raccolta, "In direzione ostinata e contraria".
Questo tratto del suo carattere portò Fabrizio ad essere amato ma anche odiato, ricordiamo infatti le diverse censure applicate alle sue canzoni.
Nonostante questo continuò a comporre musica fino a diventare uno dei piu importanti cantatutori italiani.
Questo è un mio piccolo pensiero su Fabrizio, riconosco che ci vorebbero altre migliaia di pagine per ricordare questo grande uomo, ma penso di essere "forse troppo stanco e forse troppo occupato" per farlo.

Jacopo Villani

8.1.09

Anche Quintiliano, in attesa delle ultime disposizioni, contribuisce a diramare...

COMUNICATO di oggi 8 gennaio:
Domani 9 gennaio le scuole di Torino saranno aperte.
COMUNICATO (di ieri 7 gennaio)


"La Provincia di Torino, i sindaci della provincia, il comune di Torino,la Protezione Civile e la Regione Piemonte hanno concordato nella riunione odierna in Prefettura a Torino che: nella giornata di oggi, mercoledì 7 gennaio, resteranno chiusi tutti gli Istituti nei quali si tengono i corsi serali, sia in orario preserale sia serale.nella giornata di domani, giovedì 8 gennaio, resteranno chiusi tutti per tutta la giornata gli Istituti sia per quanto riguarda i corsi diurni, sia per i corsi serali. La decisione sulla eventuale chiusura delle scuole venerdì 9 gennaio sarà presa domani in una riunione che si terrà alle ore 15 presso la Prefettura di Torino" .

Post più popolari

Quintiliano è su FACEBOOK

Quintiliano è su FACEBOOK
cliccare sul logo per raggiungere il gruppo

Quintiliano è su YOUTUBE


cliccare sui loghi per raggiungere i nostri canali

ALTRI LABORATORI (IN STAND BY)

Archivi Q Territoriali

BREVE STORIA dell'Associazione



ASSOCIAZIONE CULTURALE QUINTILIANO - Il 24 settembre 2010 viene costituita a Torino l'Associazione Quintiliano, che opera in città con i suoi comitati territoriali e laboratori scolastici. La fondazione deriva dall'esperienza laboratoriale iniziata nel 2001.
Nel 2001, a Torino, è partito il progetto del primo Laboratorio Culturale che, con le sue attività didattiche, ha contribuito e contribuisce alla costruzione della personalità degli studenti che ancora lo frequentano, aprendo loro gli orizzonti del sapere. Dopo una prima fase sperimentale, il laboratorio è stato ideato, dal prof. Dario Coppola, e ha così preso corpo nel 2004 con l'acronimo LDG, cioè Laboratorio Didattico del Giusti, il liceo torinese nel quale l'attività ha visto i suoi esordi raccogliendo l'eredità di un grande docente di quel liceo, alla cui memoria il laboratorio è perciò stato dedicato: si tratta del prof. Giorgio Balmas.
Dal 2007 il progetto ha allargato il suo raggio d'azione ed è diventato un laboratorio interscolastico al quale, nella IIIB (2008-09) del Liceo Alfieri, è stato attribuito dal fondatore il nome LC QUINTILIANO. Da allora, il laboratorio ha raggiunto con le sue proposte anche gli studenti e i docenti di altre prestigiose scuole torinesi, e della provincia, come il Copernico, il D'Azeglio, il Majorana di Moncalieri e di Torino, il Gioberti, il Cattaneo, il Ferraris, il Cottini, lo Spinelli, lo Steiner, il Gobetti, il Regina Margherita, il Grassi, il Conservatorio Verdi e - anche - l'Università degli Studi e il Politecnico di Torino.
Nel 2009 sono stati attivati nove laboratori paralleli del Quintiliano corrispondenti alle redazioni scolastiche attive nei settori dell'istruzione secondaria (scuole superiori) e degli atenei torinesi.
Nel 2010 viene stilato il progetto della costituzione di un'Associazione Culturale che comprenda i laboratori già attivi e quelli da attivare.

Le proposte culturali dei laboratori sono di vario tipo:

THEATRUM: visione di spettacoli, a teatro;

AUDITORIUM: ascolto di concerti;

CINEFORUM: visione critica di film al cinema; partecipazione a rassegne cinematografiche;

SYMPOSIUM: incontro, con cena, per socializzare e riflettere informalmente, a caldo, sullo spettacolo cui si è assistito, anche con l'ausilio di schede didattiche;

CIVES: approfondimenti su legalità, educazione alla cittadinanza, Costituzione Italiana;

LUDUS: appuntamenti etico-sportivi;

ETHNE: partecipazione alle iniziative multietniche del territorio;

PACHA MAMA: iniziative ambientali ed ecologiche;

GANDHI: iniziative non-violente contro ogni tipo di discriminazione;

AGORÁ: dibattiti su temi d'attualità per la formazione delle opinioni;

BIBLOS: presentazione di libri;
ARTIFICIUM: promozione dei talenti artistici dei nostri allievi ed ex-allievi e progettazione delle visite alle mostre d'arte;
MNEMOSYNE: recupero delle nostre origini culturali nella storia (viaggio nella memoria, rievocazioni, visite a mostre, spettacoli, conferenze, lezioni introduttive alla storia del teatro, del cinema, della televisione e della radio);
MONOGRAPHIA: presentazioni monografiche interdisciplinari di autori attraverso significative opere che hanno arricchito il nostro patrimonio culturale;
EXPERT: trattazione di tematiche, da parte di esperti, per conoscere meglio le dinamiche dei fenomeni che ci presentano l'attualità e la storia;
DOSSIER: approfondimenti, documentazioni, testimonianze, recensioni, raccolte, relazioni, ricerche e tesine;
IN ITINERE: viaggi di istruzione brevi fuori urbe;
CAUPONA: incontri per accrescere e raffinare la cultura enogastronomica;
AUGUSTA TAURINORUM: lezioni itineranti nei luoghi storici della nostra città, che hanno visto transitare i maestri del sapere, e che ancora ne conservano l'eco;

DHARMA: appuntamenti con la filosofia e la spiritualità;
BERUF: informazione e formazione economica;
REPORTER: la realtà fotografata ad arte (mostre fotografiche);
IN CONCERT: reading, tendenze musicali, concerti;
CINEFERIAE: visione critica di film su richiesta degli studenti durante le vacanze.

Inoltre, il settore Informazione dei Laboratori comprende:


MONITOR: avvisi e segnalazioni;
VADEMECUM: segnalazioni di eventi culturali nel territorio urbano;
IN AETHERE: la cultura in tv o via radio;
NEWS: notizie dalle scuole collegate col nostro laboratorio;
WEB: notizie dalla rete.

Nel 2009 sono stati aperti anche:
1) un gruppo ufficiale su Facebook;
2) un canale video "LC QuintilianoTV" su YouTube, che consente un'espressione ulteriore della creatività comune di chi continua a costruire i nostri laboratori.
Gli studenti "storici" che, negli anni passati, hanno contribuito, insieme a decine di altri, con il coordinatore a condurre QUINTILIANO sono stati:

GUGLIELMO SANDRI GIACHINO (2005-06)
NICOLO' STROCCO (2006-07)
FLAVIO MERGOTTI (2007-08)
FEDERICO GARINO (2008-09)
ALBERTO ZANELLO (2008-09)
DAVIDE BIAGIONI (2008-09)
FEDERICO SILVESTRI (2008-09)
JACOPO VILLANI (2009-10)
ALBERTO SALUZZO coordinatore della costituenda Associazione Culturale (2009-10)


dal 24 settembre 2010:

data della costituzione dell'Associazione Quintiliano
Elezione del primo
Consiglio Direttivo (2010 - 11)
Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Davide Biagioni (da settembre a dicembre 2010); Emanuele Amo (da gennaio 2011); Tesoriere: Federico Garino; Segretario: Alberto Saluzzo (da settembre 2010 a gennaio 2011); Davide Biagioni (da febbraio 2011); Altri Consiglieri: Alberto Zanello, Jacopo Villani, Antonino D'Ambra, Irene Fusi, Daniele Grillo.


dal 24 settembre 2011:
secondo Consiglio Direttivo (2011-12)

Presidente: Dario Coppola; Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario organizzativo: Ario Corapi (da settembre 2011 a marzo 2012); Jacopo Villani (da marzo 2012). Comitato esecutivo: ai consiglieri sopra citati si aggiungono i sottotesorieri Alessandro Minetti, Jacopo Villani (fino a marzo 2012), Ario Corapi (da marzo 2012) e i sottosegretari Bernardo Basilici Menini, Marcello Fadda.






Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini, i video e gli audio sono tratti dal web, valutati quindi di pubblico dominio.