ISCRIZIONI in sede (P.zza Vittorio 13 - TO: lun - ven ore 8 - 17). Tesseramento: € 10. Quota associativa annuale: € 5

APPUNTAMENTI / INFO

La mia foto
SEDE CENTRALE: piazza Vittorio Veneto 13, 10124 Torino; SEDE 2 c/o 'Blue Train' Via A. Bonafous 6 - Torino, Italy
Consiglio Direttivo: Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario: Jacopo Villani. Per l'iscrizione all'Associazione si può richiedere il modulo in sede o a un membro del Consiglio Direttivo. Fax: 011885507 Mail: acquintiliano@hotmail.it
L' ASSOCIAZIONE QUINTILIANO è stata ideata da Dario Coppola nel 2000

ed è stata fondata nel 2010 con Emanuele Amo, Davide Biagioni, Federico Garino, Irene Fusi, Alberto Saluzzo, Jacopo Villani, Alberto Zanello. A questi soci fondatori sono stati aggiunti, con nomina del presidente, Antonino D'Ambra e Daniele Grillo.

Loading...

collegamento con Q TV

Translate

17.6.11

LA GENERAZIONE MAI REALIZZATA

Analisi sulla generazione dei "bamboccioni" 

testo di 
Ario Corapi

commento per immagini di 
Dario Coppola


Domenica 22 maggio è stata trasmessa su Rai3 una puntata alquanto interessante di Report condotta da Milena Gabanelli in cui si è parlato di come le giovani generazioni italiane siano quotidianamente costrette a vivere all'insegna della precarietà e del disagio e ne è emerso di come la precarietà tra i giovani stia diventando sempre di più uno stile di vita imposto dall'attuale sistema economico-sociale vigente in Italia.

Nel corso della puntata è stato realizzato anche un flash back per confrontare le giovani generazioni del passato con quelle odierne ed è stato fatto un particolare riferimento alla stagione della contestazione giovanile del '68; la generazione dei contestatori del '68 è la generazione da cui tuttora è composta la classe dirigente italiana e a 40 anni di distanza possiamo dire che quella generazione non ha avuto problemi a sistemarsi sia sul piano professionale sia su quello sociale: in parole povere, all'epoca ci fu posto per tutti (forse troppi!) e molti di coloro che 40 anni fa contestavano la classe dirigente oggi stanno commettendo errori ben più gravi di quelli che commisero le classi dirigenti dei decenni passati.

Dovessimo dare un giudizio storico sul '68 potremmo dire che i giovani di quell'epoca contestavano, senza motivi, una classe dirigente che aveva responsabilmente ricostruito l'Italia dalle rovine della guerra; oggi piuttosto i giovani sarebbero più che legittimati a contestare l'attuale classe dirigente (ex sessantottini) che da 25 anni a questa parte a governato e gestito le risorse dell'Italia in una maniera irresponsabile e che con gli anni si sta "mangiando" tutto quello che le generazioni passate hanno costruito lasciando di fatto le giovani generazioni di oggi a bocca asciutta in previsione del futuro; inoltre, a creare ulteriore sconforto in questa analisi si aggiunge il fatto che non pochi giovani al giorno d'oggi siano erroneamente convinti di stare meglio rispetto alle generazioni passate e quest'illusione è dovuta sopratutto alla subcultura e allo stile di vita devianti acquisiti dalla cultura dell'apparenza e dai falsi miti tramandati attraverso i modelli televisivi e in primis dalla cosiddetta "civiltà del consumismo dominante".
Ma in concreto, quali sono le cause che ci hanno portato fin qui e che hanno permesso il crearsi di questo disagio fra i giovani?

Le radici di questo problema bisogna andarle a cercare nella Prima Repubblica.

I primi 40 anni della storia dell'Italia repubblicana sono stati caratterizzati da un fenomeno politico, che tuttora comunque non si è estinto, noto come "partitocrazia" e che si è venuto a creare a causa dei forti problemi di ingovernabilità dell'Italia di allora, ossia, quando i governi duravano pochi anni (due o tre) o addirittura pochi mesi e la forza politica dominante era la Democrazia Cristiana che, pur essendo il partito di maggioranza relativa, non riusciva a governare l'Italia da sola



ma allo stessa tempo non poteva stabilire alleanze politiche né a destra né a sinistra, in quanto a destra c'era il Movimento Sociale Italiano costretto a vivere emarginato dalla scena politica perché era considerato a priori un "partito di fascisti"














e a sinistra c'era il Partito Comunista Italiano con il quale non si potevano fare accordi di governo sia per gli ordini che arrivavano dagli Stati Uniti d'America sia perché si trattava di una forza politica in perenne contatto con il Cremlino di Mosca (quartier generale dell'ex Unione Sovietica).










Questa situazione ha portato nei decenni passati a un blocco del "Sistema-Italia" della Prima Repubblica e ha portato i governi dell'epoca a prendere decisioni fuori dalle istituzioni ai danni della macchina burocratica dello Stato e ciò ha favorito la creazione di lobbies (partitiche e apartitiche) e di una classe gerontocratica esterna alle istituzioni che pur di non perdere i propri poteri e i propri privilegi è sempre stata disposta a penalizzare il bene comune dei cittadini italiani, tali decisioni hanno avuto negli anni delle ripercussioni sulla generazioni che si sono poi formate e i giovani di oggi sono quelli che stanno pagando il prezzo più alto in quanto la situazione tuttora vigente in Italia sta demotivando i giovani ad innovarsi e a lavorare per il proprio futuro; tale demotivazione la si riscontra tutte le volte in cui un giovane, dopo aver studiato per anni, non riesce a trovare lavoro e di conseguenza non riesce a rendersi indipendente autonomo dalla propria famiglia per crearsene una propria.


L'economia italiana è stata trainata nei decenni passati da un forte senso del risparmio da parte delle famiglie italiane e questa ha favorito un accumulo di ricchezza nell'economia reale che finora ha funzionato come ammortizzatore nei periodi di crisi, 





il fatto è che in Italia la crisi economica attuale sembra non avere fine e tutti i giovani che non riescono (non certo per colpa loro) a rendersi indipendenti dalle loro famiglie perché non trovano lavoro, si ritrovano a vivere con i propri genitori che a loro volta sono costretti a spendere i risparmi di una vita proprio per mantenere i figli che, nonostante gli innumerevoli sforzi e le molte capacità, non riescono a trovare spazio.

Questa situazione di disagio giovanile che si è venuta a creare fra i giovani in Italia non può nemmeno essere paragonata con le situazioni degli altri paesi europei come la Francia e la Germania; gli inviati della trasmissione Report hanno intervistato una ragazza francese che studia Scienze Politiche all'Università di Parigi e che ha raccontato di riuscire a conciliare gli studi con il lavoro di commessa presso una gioielleria, lavoro regolato da un contratto a tempo indeterminato per 3 giorni a settimana e retribuito con 1300 euro al mese....vien da dire: in Italia dove la trovi un'occasione simile? dove lo trovi il datore di lavoro che ti mette un contratto a tempo indeterminato per giorni a settimana e dandoti un salario simile,in più permettendoti anche di studiare?
In Italia non si riesce a trovare un lavoro "decente" dopo la laurea, figuriamoci un lavoro part-time da conciliare con gli studi.


Altro esempio lampante è quello della Germania dove il governo federale ha istituito da diversi anni il BAföG,  ossia l'Ufficio Federale per il Sostegno allo Studio (Bundesausbildungsförderungsgesetz),




il quale fornisce sussidi divisi in fasce di reddito per tutti i giovani dai 18 anni in su e che consente ad essi non solo di pagarsi gli studi ma anche di pagarsi un appartamento in affitto con soli 500/600 euro al mese, per non parlare poi del collocamento occupazionale nel mondo del lavoro una volta terminati gli studi...contratti a tempo indeterminato con uno stipendio a partire da 1600 euro al mese, roba che i giovani qui in Italia si sognano la notte.



In Italia i giovani si ritrovano a dover fare i "mantenuti" fino alla fine degli studi, se va bene, oppure chi arriva dalla provincia e va a studiare nelle grandi città deve pagarsi gli studi, il vitto e l'alloggio sempre con i soldi che i genitori mandano mensilmente, tutto questo per poi trovare lavori con contratti di durata annuale (se non addirittura mensili) e stipendi tra i 400/600 euro al mese con il risultato di ritrovarsi poi a vivere ancora con i genitori fino a 40 anni.






Lo stile di vita precario che si vive in Italia porta moltissimi giovani appena laureati a trasferirsi all'estero in cerca di lavori molto più dignitosi, questo il fenomeno noto a tutti come "fuga dei cervelli", e molti neo-laureati italiani trasferitesi all'estero hanno potuto confermare quanto all'estero questi vengano accolti a braccia aperte e valorizzati sul posto di lavoro per poi essere incentivati a rimanere lì, peraltro i datori di lavoro che all'estero assumono i neo-laureati italiani hanno confermato quanto i giovani italiani siano competenti e preparati con le lauree conseguite in Italia (a dimostrazione che il sistema formativo italiano è stato finora uno dei migliori al mondo), e questo conferma ulteriormente quali risorse umane l'Italia continui a perdere ogni anno a causa della mancanza di meritocrazia e di responsabilità da parte della classe dirigente nel valorizzare i giovani che crescono e si formano in Italia.






Al termine di quest'analisi, che alla fine non fa altro che ribadire un problema che in Italia esiste ormai da troppi anni, chi ha ancora il coraggio di dire che i giovani italiani di oggi sono dei "bamboccioni" o dei "mantenuti" che non hanno voglia di impegnarsi perché vogliono sempre avere la "pappina pronta"?

Sembra assurdo, ma c'è chi la pensa così nonostante i dati alla mano dicano il contrario e spesso costoro sono quelli che appartengono alle generazioni passate che hanno amministrato o amministrano ancora adesso questi paese e che troppo spesso con questi ragionamenti intendono mascherare le loro inettitudini facendo ricadere la colpa sulla giovani generazioni che si trovano a vivere sempre di più sull'orlo del baratro.


Ario Corapi
Università degli Studi di Torino
Facoltà di Scienze Politiche 


Ario Corapi segnala un articolo di Calabria 24 pubblicato da Piero Sansonetti (cliccate qui)

Post più popolari

Quintiliano è su FACEBOOK

Quintiliano è su FACEBOOK
cliccare sul logo per raggiungere il gruppo

Quintiliano è su YOUTUBE


cliccare sui loghi per raggiungere i nostri canali

ALTRI LABORATORI (IN STAND BY)

Archivi Q Territoriali

BREVE STORIA dell'Associazione



ASSOCIAZIONE CULTURALE QUINTILIANO - Il 24 settembre 2010 viene costituita a Torino l'Associazione Quintiliano, che opera in città con i suoi comitati territoriali e laboratori scolastici. La fondazione deriva dall'esperienza laboratoriale iniziata nel 2001.
Nel 2001, a Torino, è partito il progetto del primo Laboratorio Culturale che, con le sue attività didattiche, ha contribuito e contribuisce alla costruzione della personalità degli studenti che ancora lo frequentano, aprendo loro gli orizzonti del sapere. Dopo una prima fase sperimentale, il laboratorio è stato ideato, dal prof. Dario Coppola, e ha così preso corpo nel 2004 con l'acronimo LDG, cioè Laboratorio Didattico del Giusti, il liceo torinese nel quale l'attività ha visto i suoi esordi raccogliendo l'eredità di un grande docente di quel liceo, alla cui memoria il laboratorio è perciò stato dedicato: si tratta del prof. Giorgio Balmas.
Dal 2007 il progetto ha allargato il suo raggio d'azione ed è diventato un laboratorio interscolastico al quale, nella IIIB (2008-09) del Liceo Alfieri, è stato attribuito dal fondatore il nome LC QUINTILIANO. Da allora, il laboratorio ha raggiunto con le sue proposte anche gli studenti e i docenti di altre prestigiose scuole torinesi, e della provincia, come il Copernico, il D'Azeglio, il Majorana di Moncalieri e di Torino, il Gioberti, il Cattaneo, il Ferraris, il Cottini, lo Spinelli, lo Steiner, il Gobetti, il Regina Margherita, il Grassi, il Conservatorio Verdi e - anche - l'Università degli Studi e il Politecnico di Torino.
Nel 2009 sono stati attivati nove laboratori paralleli del Quintiliano corrispondenti alle redazioni scolastiche attive nei settori dell'istruzione secondaria (scuole superiori) e degli atenei torinesi.
Nel 2010 viene stilato il progetto della costituzione di un'Associazione Culturale che comprenda i laboratori già attivi e quelli da attivare.

Le proposte culturali dei laboratori sono di vario tipo:

THEATRUM: visione di spettacoli, a teatro;

AUDITORIUM: ascolto di concerti;

CINEFORUM: visione critica di film al cinema; partecipazione a rassegne cinematografiche;

SYMPOSIUM: incontro, con cena, per socializzare e riflettere informalmente, a caldo, sullo spettacolo cui si è assistito, anche con l'ausilio di schede didattiche;

CIVES: approfondimenti su legalità, educazione alla cittadinanza, Costituzione Italiana;

LUDUS: appuntamenti etico-sportivi;

ETHNE: partecipazione alle iniziative multietniche del territorio;

PACHA MAMA: iniziative ambientali ed ecologiche;

GANDHI: iniziative non-violente contro ogni tipo di discriminazione;

AGORÁ: dibattiti su temi d'attualità per la formazione delle opinioni;

BIBLOS: presentazione di libri;
ARTIFICIUM: promozione dei talenti artistici dei nostri allievi ed ex-allievi e progettazione delle visite alle mostre d'arte;
MNEMOSYNE: recupero delle nostre origini culturali nella storia (viaggio nella memoria, rievocazioni, visite a mostre, spettacoli, conferenze, lezioni introduttive alla storia del teatro, del cinema, della televisione e della radio);
MONOGRAPHIA: presentazioni monografiche interdisciplinari di autori attraverso significative opere che hanno arricchito il nostro patrimonio culturale;
EXPERT: trattazione di tematiche, da parte di esperti, per conoscere meglio le dinamiche dei fenomeni che ci presentano l'attualità e la storia;
DOSSIER: approfondimenti, documentazioni, testimonianze, recensioni, raccolte, relazioni, ricerche e tesine;
IN ITINERE: viaggi di istruzione brevi fuori urbe;
CAUPONA: incontri per accrescere e raffinare la cultura enogastronomica;
AUGUSTA TAURINORUM: lezioni itineranti nei luoghi storici della nostra città, che hanno visto transitare i maestri del sapere, e che ancora ne conservano l'eco;

DHARMA: appuntamenti con la filosofia e la spiritualità;
BERUF: informazione e formazione economica;
REPORTER: la realtà fotografata ad arte (mostre fotografiche);
IN CONCERT: reading, tendenze musicali, concerti;
CINEFERIAE: visione critica di film su richiesta degli studenti durante le vacanze.

Inoltre, il settore Informazione dei Laboratori comprende:


MONITOR: avvisi e segnalazioni;
VADEMECUM: segnalazioni di eventi culturali nel territorio urbano;
IN AETHERE: la cultura in tv o via radio;
NEWS: notizie dalle scuole collegate col nostro laboratorio;
WEB: notizie dalla rete.

Nel 2009 sono stati aperti anche:
1) un gruppo ufficiale su Facebook;
2) un canale video "LC QuintilianoTV" su YouTube, che consente un'espressione ulteriore della creatività comune di chi continua a costruire i nostri laboratori.
Gli studenti "storici" che, negli anni passati, hanno contribuito, insieme a decine di altri, con il coordinatore a condurre QUINTILIANO sono stati:

GUGLIELMO SANDRI GIACHINO (2005-06)
NICOLO' STROCCO (2006-07)
FLAVIO MERGOTTI (2007-08)
FEDERICO GARINO (2008-09)
ALBERTO ZANELLO (2008-09)
DAVIDE BIAGIONI (2008-09)
FEDERICO SILVESTRI (2008-09)
JACOPO VILLANI (2009-10)
ALBERTO SALUZZO coordinatore della costituenda Associazione Culturale (2009-10)


dal 24 settembre 2010:

data della costituzione dell'Associazione Quintiliano
Elezione del primo
Consiglio Direttivo (2010 - 11)
Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Davide Biagioni (da settembre a dicembre 2010); Emanuele Amo (da gennaio 2011); Tesoriere: Federico Garino; Segretario: Alberto Saluzzo (da settembre 2010 a gennaio 2011); Davide Biagioni (da febbraio 2011); Altri Consiglieri: Alberto Zanello, Jacopo Villani, Antonino D'Ambra, Irene Fusi, Daniele Grillo.


dal 24 settembre 2011:
secondo Consiglio Direttivo (2011-12)

Presidente: Dario Coppola; Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario organizzativo: Ario Corapi (da settembre 2011 a marzo 2012); Jacopo Villani (da marzo 2012). Comitato esecutivo: ai consiglieri sopra citati si aggiungono i sottotesorieri Alessandro Minetti, Jacopo Villani (fino a marzo 2012), Ario Corapi (da marzo 2012) e i sottosegretari Bernardo Basilici Menini, Marcello Fadda.






Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini, i video e gli audio sono tratti dal web, valutati quindi di pubblico dominio.