ISCRIZIONI in sede (P.zza Vittorio 13 - TO: lun - ven ore 8 - 17). Tesseramento: € 10. Quota associativa annuale: € 5

APPUNTAMENTI / INFO

ARCHIVIO del sito

La mia foto
SEDE CENTRALE: piazza Vittorio Veneto 13, 10124 Torino; SEDE 2 c/o 'Blue Train' Via A. Bonafous 6 - Torino, Italy
Consiglio Direttivo: Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario: Jacopo Villani. Per l'iscrizione all'Associazione si può richiedere il modulo in sede o a un membro del Consiglio Direttivo. Fax: 011885507 Mail: acquintiliano@hotmail.it
L' ASSOCIAZIONE QUINTILIANO è stata ideata da Dario Coppola nel 2000

ed è stata fondata nel 2010 con Emanuele Amo, Davide Biagioni, Federico Garino, Irene Fusi, Alberto Saluzzo, Jacopo Villani, Alberto Zanello. A questi soci fondatori sono stati aggiunti, con nomina del presidente, Antonino D'Ambra e Daniele Grillo.

Loading...

collegamento con Q TV

Translate

29.8.10

ESTATE A RIFLETTERE SU... Giorgio Balmas

Giorgio Balmas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Balmas (Torino8 giugno 1927 – 15 dicembre 2006) è stato un politico e intellettuale italiano.

Biografia 

Giorgio Balmas fondò l’Unione Musicale (in un primo tempo “studentesca”) nel 1946 mentre non ancora diciottenne frequentava la seconda liceo classico al “Cavour”. La diresse per trent’anni. Preparò stagioni concertistiche a Ivrea, dal 1960 al 1976, prima per il circolo Eporediese e poi per la società musicale del Centro Culturale Olivetti. Oltre alle normali stagioni tradizionali, organizzò dal 57 al 64 otto incontri internazionali di cori universitari e alcuni incontri con la musica contemporanea. Fu a lungo membro della Commissione Centrale Musica e Roma, presso il Ministero del Turismo e Spettacolo. Insegnante per circa quarant’anni, eletto Consigliere Comunale a Torino nel 1975 fu Assessore per la Cultura per due tornate amministrative.
Nel 1976 avviò gli spettacoli nei parchi detti “Punti verdi”, nel 1978 il festival “Settembre Musica”. Strutturò l’Assessorato per la Cultura, fino ad allora inesistente come assessorato a sé, apri biblioteche decentrate, organizzò mostre, curò importanti attività didattiche. Chiamato in seguito da Cesare Romiti ad occuparsi dei concerti del Lingotto, preparò due importanti stagioni presso l’Auditorium di Renzo Piano (1995/96 e 1997).
Eletto nel 1997 per la quarta volta Consigliere Comunale a Torino fu, per brevissimo tempo, Presidente della Commissione Cultura prima di essere nominato Sovrintendente del Teatro Regio, carica che ricoprì sino alla scadenza del mandato consiliare. In più di 50 anni di attività organizzativa ha complessivamente firmato 57 stagioni di concerti per un totale di 1386 manifestazioni.
Jacques Lang lo ha nominato Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres della Repubblica francese nel 1984. Nello stesso anno ha ottenuto il Premio Franco Abbiati della Critica Musicale Italiana.
Dall’ ottobre 2004 al febbraio 2006 è stato Presidente dell’Istituto Musicale Città di Rivoli. Qui ha organizzato, presso la Maison Musique, una serie di incontri di cori amatoriali piemontesi raccogliendo in concerto ventuno cori piemontesi e il coro gemellato di Montelimar; ha portato all’Istituto nella serie “Convergenze parallele : musica e vita”, undici personalità della musica professionale e personalità varie, celebri per vari interessi culturali e operativi, che hanno parlato della loro esperienza (raccogliendo fondi per borse di studio dell’Istituto).
Ha curato insieme alla Provincia di Torino “Resistenza nella memoria” nel 60° anniversario della Liberazione, ha organizzato presso il Castello- Museo di Arte Contemporanea la serie “Sequenze” dedicata alla memoria di Luciano Berio che ha visto da parte di interpreti illustri l’esecuzione delle 15 Sequenze di Luciano Berio accoppiate a brani per lo stesso strumento composti per l’occasione e in prima esecuzione da giovani compositori italiani e stranieri.

Attività politica

Legato alla sinistra indipendente, fu assessore alla Cultura del comune di Torino durante il mandato di Diego Novelli, dal 1975 al 1985. Tra il 1990 e il 1992 fu consigliere comunale come indipendente, nelle liste del PCI. Fu rieletto consigliere nel 1997, con Rifondazione Comunista.

Attività culturale 

Di formazione umanistica, amante delle arti (usava anagrammare il suo nome con l'espressione ars imago globi) e dei principi illuministici, fra cui quello della tolleranza, inventò e promosse diverse importanti iniziative culturali della città di Torino.
Nel 1946, quando andava ancora al liceo, fondò l'Unione Musicale (inizialmente con il nome "Associazione Studentesca Amici della Musica"), di cui fu a lungo presidente. Come assessore della giunta Novelli (Balmas rifiutava la dizione assessore alla cultura, che indica un asservimento al potere, riconoscendo invece quella di assessore per la cultura, che esprime il ruolo di chi è al servizio della cultura), nel 1976 ideò i Punti verdi, appuntamenti estivi, di tipo culturale, letterario, musicale e artistico, nelle principali zone verdi della città, e nel 1978 la più celebre rassegna internazionale Settembre Musica. Creò centri culturali e biblioteche comunali soprattutto nelle zone periferiche di Torino: l'esempio più eloquente è l'inaugurazione della Biblioteca della Falchera.
Fu tra i maggiori artefici dell'Auditorium del Lingotto di Torino e responsabile delle rassegne musicali.
Negli anni novanta fu sovrintendente del Teatro Regio di Torino.
Ha insegnato nel Liceo Giusti di Torino fino al 1999. In questa scuola, particolarmente amata da Balmas, continuano a rivivere le 'escursioni' a concerto, attraverso le iniziative del Laboratorio Culturale interscolastico LC Quintiliano, ispirato dal professore, e ideato dai suoi giovani colleghi.
Recentemente ha curato manifestazioni culturali varie nel vicino comune di Rivoli.

Curiosità 

Tre erano le passioni principali di Balmas: il paese di Scala (Salerno); la musica; l'insegnamento scolastico.

Voci correlate 

Collegamenti esterni 



Per questa pubblicazione su Wikipedia si accese un dibattito, che finì sul quotidiano LA STAMPA,  conclusosi con la votazione che consentì la pubblicazione della voce.


Di questa diatriba vogliamo qui riportare la conclusione, ossia la lettera che Cairo scrisse in risposta all'articolo comparso in precedenza sul quotidiano torinese nel quale erano riportate alcune dichiarazioni, non del tutto raffinate e poco lusinghiere, in riferimento alla voce da lui creata.








Risposta mia alla diatriba su Balmas 

In riferimento all'articolo comparso su La Stampa il 21/12/06 circa la più o meno giustificata enciclopedicità della voce "Giorgio Balmas", riportata su Wikipedia, voglio sottolineare che essa è frutto di una MIA idea e che prima del 12/08/06 nessuno dei soloni che popolano l'intellighenzia torinese vi aveva ancora pensato. I veri signori dovrebbero rispettare la precedenza. Vorrei comunque esprimere la mia gratitudine innanzitutto a Wikipedia, che ha votato per la non cancellazione della voce da me redatta; poi a TerrayLibertad, per aver posto la questione a suo tempo e aver così contribuito, a suo modo, alla memoria di Giorgio Balmas; infine al quotidiano La Stampa, per aver seguito il caso. Non vorrei però tralasciare di ringraziare Claudio Merlo, che attualmente cerca di organizzare le proposte, urbane ed extraurbane, di Settembre Musica, per aver detto con uno strano senso dell'umorismo che Balmas, di cui egli vanta il discepolato, "avrebbe strappato la voce, se se la fosse trovata davanti (sic!)". Ora io, che ho avuto l'onore di esserne stato collega e di averne goduto la stima, sono stato testimone del contrario, poiché lo stesso Balmas mi ringraziò per aver scritto quell'abbozzo di voce, che avrei successivamente rivisto e ampliato. Alcuni suoi discepoli, piuttosto, avrebbero fatto cosa gentile a non lasciarlo troppo solo, invece di vantare tardivamente legami esclusivi e diritti di intervento biografico (cfr. articolo su La Stampa del 16/12/06: "Balmas, la tragedia di un uomo di un uomo rimasto solo")I--Aldo cairo 10:45, 19 gen 2007 (CET)

Nessun commento:

Post più popolari

Quintiliano è su FACEBOOK

Quintiliano è su FACEBOOK
cliccare sul logo per raggiungere il gruppo

Quintiliano è su YOUTUBE


cliccare sui loghi per raggiungere i nostri canali

ALTRI LABORATORI (IN STAND BY)

Archivi Q Territoriali

BREVE STORIA dell'Associazione



ASSOCIAZIONE CULTURALE QUINTILIANO - Il 24 settembre 2010 viene costituita a Torino l'Associazione Quintiliano, che opera in città con i suoi comitati territoriali e laboratori scolastici. La fondazione deriva dall'esperienza laboratoriale iniziata nel 2001.
Nel 2001, a Torino, è partito il progetto del primo Laboratorio Culturale che, con le sue attività didattiche, ha contribuito e contribuisce alla costruzione della personalità degli studenti che ancora lo frequentano, aprendo loro gli orizzonti del sapere. Dopo una prima fase sperimentale, il laboratorio è stato ideato, dal prof. Dario Coppola, e ha così preso corpo nel 2004 con l'acronimo LDG, cioè Laboratorio Didattico del Giusti, il liceo torinese nel quale l'attività ha visto i suoi esordi raccogliendo l'eredità di un grande docente di quel liceo, alla cui memoria il laboratorio è perciò stato dedicato: si tratta del prof. Giorgio Balmas.
Dal 2007 il progetto ha allargato il suo raggio d'azione ed è diventato un laboratorio interscolastico al quale, nella IIIB (2008-09) del Liceo Alfieri, è stato attribuito dal fondatore il nome LC QUINTILIANO. Da allora, il laboratorio ha raggiunto con le sue proposte anche gli studenti e i docenti di altre prestigiose scuole torinesi, e della provincia, come il Copernico, il D'Azeglio, il Majorana di Moncalieri e di Torino, il Gioberti, il Cattaneo, il Ferraris, il Cottini, lo Spinelli, lo Steiner, il Gobetti, il Regina Margherita, il Grassi, il Conservatorio Verdi e - anche - l'Università degli Studi e il Politecnico di Torino.
Nel 2009 sono stati attivati nove laboratori paralleli del Quintiliano corrispondenti alle redazioni scolastiche attive nei settori dell'istruzione secondaria (scuole superiori) e degli atenei torinesi.
Nel 2010 viene stilato il progetto della costituzione di un'Associazione Culturale che comprenda i laboratori già attivi e quelli da attivare.

Le proposte culturali dei laboratori sono di vario tipo:

THEATRUM: visione di spettacoli, a teatro;

AUDITORIUM: ascolto di concerti;

CINEFORUM: visione critica di film al cinema; partecipazione a rassegne cinematografiche;

SYMPOSIUM: incontro, con cena, per socializzare e riflettere informalmente, a caldo, sullo spettacolo cui si è assistito, anche con l'ausilio di schede didattiche;

CIVES: approfondimenti su legalità, educazione alla cittadinanza, Costituzione Italiana;

LUDUS: appuntamenti etico-sportivi;

ETHNE: partecipazione alle iniziative multietniche del territorio;

PACHA MAMA: iniziative ambientali ed ecologiche;

GANDHI: iniziative non-violente contro ogni tipo di discriminazione;

AGORÁ: dibattiti su temi d'attualità per la formazione delle opinioni;

BIBLOS: presentazione di libri;
ARTIFICIUM: promozione dei talenti artistici dei nostri allievi ed ex-allievi e progettazione delle visite alle mostre d'arte;
MNEMOSYNE: recupero delle nostre origini culturali nella storia (viaggio nella memoria, rievocazioni, visite a mostre, spettacoli, conferenze, lezioni introduttive alla storia del teatro, del cinema, della televisione e della radio);
MONOGRAPHIA: presentazioni monografiche interdisciplinari di autori attraverso significative opere che hanno arricchito il nostro patrimonio culturale;
EXPERT: trattazione di tematiche, da parte di esperti, per conoscere meglio le dinamiche dei fenomeni che ci presentano l'attualità e la storia;
DOSSIER: approfondimenti, documentazioni, testimonianze, recensioni, raccolte, relazioni, ricerche e tesine;
IN ITINERE: viaggi di istruzione brevi fuori urbe;
CAUPONA: incontri per accrescere e raffinare la cultura enogastronomica;
AUGUSTA TAURINORUM: lezioni itineranti nei luoghi storici della nostra città, che hanno visto transitare i maestri del sapere, e che ancora ne conservano l'eco;

DHARMA: appuntamenti con la filosofia e la spiritualità;
BERUF: informazione e formazione economica;
REPORTER: la realtà fotografata ad arte (mostre fotografiche);
IN CONCERT: reading, tendenze musicali, concerti;
CINEFERIAE: visione critica di film su richiesta degli studenti durante le vacanze.

Inoltre, il settore Informazione dei Laboratori comprende:


MONITOR: avvisi e segnalazioni;
VADEMECUM: segnalazioni di eventi culturali nel territorio urbano;
IN AETHERE: la cultura in tv o via radio;
NEWS: notizie dalle scuole collegate col nostro laboratorio;
WEB: notizie dalla rete.

Nel 2009 sono stati aperti anche:
1) un gruppo ufficiale su Facebook;
2) un canale video "LC QuintilianoTV" su YouTube, che consente un'espressione ulteriore della creatività comune di chi continua a costruire i nostri laboratori.
Gli studenti "storici" che, negli anni passati, hanno contribuito, insieme a decine di altri, con il coordinatore a condurre QUINTILIANO sono stati:

GUGLIELMO SANDRI GIACHINO (2005-06)
NICOLO' STROCCO (2006-07)
FLAVIO MERGOTTI (2007-08)
FEDERICO GARINO (2008-09)
ALBERTO ZANELLO (2008-09)
DAVIDE BIAGIONI (2008-09)
FEDERICO SILVESTRI (2008-09)
JACOPO VILLANI (2009-10)
ALBERTO SALUZZO coordinatore della costituenda Associazione Culturale (2009-10)


dal 24 settembre 2010:

data della costituzione dell'Associazione Quintiliano
Elezione del primo
Consiglio Direttivo (2010 - 11)
Presidente: Dario Coppola. Vice Presidente: Davide Biagioni (da settembre a dicembre 2010); Emanuele Amo (da gennaio 2011); Tesoriere: Federico Garino; Segretario: Alberto Saluzzo (da settembre 2010 a gennaio 2011); Davide Biagioni (da febbraio 2011); Altri Consiglieri: Alberto Zanello, Jacopo Villani, Antonino D'Ambra, Irene Fusi, Daniele Grillo.


dal 24 settembre 2011:
secondo Consiglio Direttivo (2011-12)

Presidente: Dario Coppola; Vice Presidente: Anton De Nicolò; Tesoriere: Stefano Marino; Segretario organizzativo: Ario Corapi (da settembre 2011 a marzo 2012); Jacopo Villani (da marzo 2012). Comitato esecutivo: ai consiglieri sopra citati si aggiungono i sottotesorieri Alessandro Minetti, Jacopo Villani (fino a marzo 2012), Ario Corapi (da marzo 2012) e i sottosegretari Bernardo Basilici Menini, Marcello Fadda.






Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini, i video e gli audio sono tratti dal web, valutati quindi di pubblico dominio.